Ritiro dedicato o scambio sul posto?

L’energia prodotta da un impianto fotovoltaico connesso alla rete elettrica può essere autoconsumata oppure immessa nella rete elettrica.

Nel caso di impianti di piccola taglia, con una produttività inferiore o pari ai consumi delle utenze civili o industriali ad esso collegate, la scelta di stipulare una convenzione di scambio sul posto con il GSE è sen’altro la più indicata, in quanto consente di cedere elettricità alla rete quando l’impianto produce energia che non viene assorbita dalle utenze cui è collegato (tipicamente durante le ore centrali del giorno, quando il flusso di radiazione solare che investe i moduli è maggiore) e di riassorbirla  quando invece le richieste delle utenze superano la produttività dell’impianto (tipicamente nelle ore serali o di notte). In questo modo l’immissione e l’assorbimento di energia dalla rete elettrica consente di bilanciare la disomogeneità che caratterizza la produzione di energia da impianti fotovoltaici durante l’arco della giornata.

Nel caso invece l’impianto fotovoltaico abbia una produttività superiore rispetto ai consumi delle utenze ad esso collegate, risulta conveniente vendere l’energia prodotta alla rete elettrica. Si può optare sia per la cessione totale dell’energia alla rete sia per la cessione parziale. In quest’ultimo caso viene immessa e venduta in rete solo l’energia che non viene autoconsumata dalle utenze connesse all’impianto.

In entrambi i casi è possibile accedere al ritiro dedicato, che rappresenta una modalità semplificata di cessione dell’energia elettrica, a disposizione dei produttori per la vendita al GSE dell’energia elettrica immessa in rete in alternativa ai contratti billaterali o alla vendita diretta in borsa.

Il regime di ritiro dedicato avviene al prezzo che si forma sul mercato elettrico (prezzo zonale orario), corrisposto sulla base del profilo orario di immissione del singolo produttore. Ciò consente di riflettere fedelmente le condizioni economiche di mercato.

Per gli impianti di potenza di potenza fino a 1 MW, i produttori  possono inoltre accedere ai prezzi minimi garantiti dal GSE per la vendita dell’energia. Tali   prezzi sono differenziati per fonte e per scaglione e vengono aggiornati annualmente. I prezzi minimi attualmente in vigore sono consultabili qui.

Ritiro dedicato o scambio sul posto?ultima modifica: 2010-08-29T18:50:00+00:00da certificatore09
Reposta per primo quest’articolo